di Lucia 

    La comunità è il luogo del perdono. Ma quanto è difficile per noi uomini perdonare di cuore e ritornare a dare fiducia a coloro che ci hanno ferito. Eppure il Signore ci dice che questa è la strada dell’Amore, perdonare “fino a settanta volte sette”, cioè sempre. Ma come imparare a perdonare di cuore? E come trasmettere la necessità del perdono nella vita di famiglia, di comunità? Su questi temi hanno riflettuto i membri della nostra Comunità Educante che sabato, 10 febbraio 2018, sera si è riunita presso l’oratorio di Cadrezzate.  Partendo dal brano del Vangelo di Matteo 18,21-37, ci siamo resi conto che il presupposto per poter imparare a perdonare è sperimentare in primo luogo il Perdono di Dio, il Suo Amore di Padre capace di dimenticare tutto il male da noi compiuto e di rinnovare sempre la Sua fiducia verso di noi. È importante quindi riflettere su COME noi stessi ci educhiamo ad accogliere il Perdono di Dio: riusciamo ancora a percepirlo come dono da ricevere con meraviglia e gratitudine? O il luogo comune del “tanto Dio perdona sempre” ce lo sta facendo svalutare?   Riscoperto il Perdono di Dio nella sua qualità di dono completamente gratuito (e immeritato), come possiamo aiutare i nostri ragazzi a sperimentarlo in verità? E come correggerli amorevolmente senza la volontà di castigare? Durante il momento di riflessione e confronto a gruppi abbiamo individuato delle possibili vie da percorrere: il dialogo; il rapporto personale tra ragazzi ed educatori; l’esempio concreto di una comunità capace di perdono.  È stata una serata molto bella e ricca di riflessioni e di scambi tra i membri delle nostre parrocchie, un momento di incontro tra le diverse generazioni che si occupano dell’educazione dei ragazzi nei nostri oratori. Ma anche le risate e l’allegria non sono mancate e la cena in condivisione che ha seguito l’incontro si è trasformata in una nuova occasione di vita vera, insieme.