Teniamo viva l'attenzione

 

Le elezioni avverranno durante le S. messe di domenica 19 maggio Il Consilio sarà composta da 18 membri più i membri della Diaconia
Cinque candidati saranno indicati dal Parroco, con il criterio di assicurare una rappresentanza omogenea tra le Parrocchie e i gruppi.
Si potranno esprimere non più di due preferenze Di seguito trovate i candidati che potrete votare.

Andreone Luca S. Martino
Barboni Carlotta Ss. Cosma e Damiano
Biavaschi Rosalba S. Margherita
Bino Rossana S. Margherita
Bulgarelli Liviano Ss. Cosma e Damiano
Cadamuro Mara Ss. Cosma e Damiano
Comendulli Miriam S. Margherita
Fiorin Federica S. Martino
Fiorin Luciano S. Martino
Franzetti Romana S. Margherita
Gallina Eugenia S. Martino
Lotrecchio Margherita S. Martino
Merli Sonia S. Martino
Pentassuglia Cinzia S. Martino
Piscia Angelica S. Margherita
Pomodoro Giuseppa S. Margherita
Ponti Anna S. Martino
Rancati Fiorenzo S. Martino
Rancati Silvana S. Martino
Ruscelli Silvia S. Margherita
Scaltritti Laura Ss. Cosma e Damiano
Simonetta Andrea Ss. Cosma e Damiano
Stranges Antonio S. Martino
Tenti Roberto S. Martino
Zago Filiberto S. Martino
Zambetti Alessio S. Margherita
Zanarella Andrea S. Martino

 

 

Verso il rinnovo del Consiglio pastorale - I REQUISITI DEL CONSIGLIERE

I membri dei consigli si distingueranno per vita cristiana, volontà d'impegno, nel senso che vivono la loro vita di fede nella parrocchia, capacità di dialogo e conoscenza dei concreti bisogni della comunità cristiana e devono essere «qualificati non solo da competenza ed esperienza, ma anche da uno spiccato senso ecclesiale e da una seria tensione spirituale, alimentata dalla partecipazione all'Eucaristia, dall'assiduo ascolto della Parola e dalla preghiera». Si preoccuperanno del bene dell'intera comunità, evitando lo spirito di parte o di categoria, dal momento che nessun vincolo di mandato esiste tra concreti elettori e membri dei consigli. Requisito del tutto ovvio e peraltro assolutamente irrinunciabile è la piena comunione con la Chiesa. (Dal Direttorio della Diocesi di Milano)

Questo passaggio del Direttorio può sembrare molto esigente e magari spaventare qualche persona, indurla quasi a tirarsi indietro.
Credo però che indichi delle “condizioni” che molti di noi vivono già in maniera molto semplice e concreta.  La vita di fede fatta di preghiera personale e comunitaria.

La partecipazione alla vita della comunità, perché nessuno di noi è un “utente” di servizi religiosi, ma parte di una famiglia, che piaccia o no, che è la comunità cristiana. La Comunità cristiana, come la famiglia, non la si cerca, ma la si trova, ma è questa famiglia che dobbiamo amare, ed è con questi fratelli e sorelle che si deve collaborare.

Una terza condizione è una cosa già detta, ma che fa fatica a volte ad entrare nella mente di chi collabora, ed è la capacità di lavorare dentro un progetto comune, andando al di là della tentazione di coltivare il proprio orticello. Questo vale per i singoli discepoli di Gesù e vale anche per i gruppi presenti nella comunità. Se ciascuno va per la sua strada, può fare anche cose molto belle, ma lavora per se stesso, non per la crescita fraterna della Comunità.

La comunione con la Chiesa. Nel direttorio si dice che è cosa “ovvia”. Espliciterei il tema della comunione con la Chiesa dicendo che è necessario amare il Papa e il nostro Vescovo, e condividere il cammino che loro ci chiedono di fare. I malumori che si sentono nei confronti del Papa e del Vescovo non sono espressione di piena comunione.

 

Verso il rinnovo del Consiglio pastorale

Le prossime settimane sono settimane per informarci e prepararci al rinnovo del CP. Sono settimane in cui raccogliere anche le candidature. I gruppi parrocchiali sono già stati invitati a esprimere dei candidati, ma ciascuno lo può fare utilizzando i moduli a disposizione in fondo alla chiesa, su cui sono indicati anche i criteri di candidatura. Per informarci: ogni settimana, alla fine delle S. Messe verrà letto un breve testo tratto da Direttorio dei Consigli pastorali.
Inoltre:
 ----> entro il 5 maggio dovranno essere raccolte le candidature
 ----> Il 12 maggio verranno presentate le liste dei candidati
 ----> Il 19 maggio si svolgeranno le elezioni durante le Ss. Messe

 

Carissime e carissimi consiglieri, nell'ultima sessione il Consiglio Pastorale ha deliberato la costituzione di una commissione elettorale in vista della elezione del nuovo consiglio, che si terrà nella nostra Comunità Domenica 19 Maggio. La commissione si è ritrovata ed ha espresso queste proposte:

 

  1. Da domenica 14 Aprile, per quattro domeniche, ad ogni Santa Messa verrà letto un messaggio tratto dal direttorio della nostra Diocesi per informare la Comunità sul senso del CP.
  2. Sull'informatore domenicale verranno riportate notizie utili per prepararsi alla elezione del nuovo Consiglio.
  3. Verrà inviato un messaggio a tutti i gruppi parrocchiali perché vengano espresse delle candidature. Evidentemente anche voi del Consiglio siete invitati a ricandidarvi.
  4. In fondo alle chiese sarà posta una cassetta in cui chi vuole può inserire una proposta di candidatura con una breve motivazione.
  5. Le liste elettorali saranno presentate alla Comunità Domenica 12 Maggio

 

Vi invitiamo a tenere viva l'attenzione su questo appuntamento e anche a suscitare nuove candidature. Vi ringraziamo per il vostro impegno nell'uscente Consigli, ma contiamo ancora sul vostro aiuto e sul vostro contributo di pensiero e azione.

Un cordiale e fraterno saluto

 

Don Maurizio e la Commissione elettorale